On Clasical

OnClassical – Alternativa alla SIAE – Licenziare musica classica in un clic!

115

OnClassical, la prima etichetta discografica italiana di musica classica autoprodotta e distribuita interamente online, da qualche tempo fornisce licenze per ogni utilizzo
professionale della musica:
pubblicità, TV, film, documentari, sottofondi musicali per locali,
suonerie, siti web, videogiochi, ecc.: la metà dei guadagni è
direttamente ridistribuita agli artisti.

OnClassical è un progetto indipendente che non conosce
intermediari, sceglie da sé i propri musicisti, ne decide i repertori,
le location e gli strumenti su cui incidere e non ha alcun rapporto con
SIAE o altre società mondiali. Su onclassical.com l’utente ascolta e compra musica classica di qualità;
ma solo la musica,
ossia non esiste alcun packaging (il classico CD lo fa in casa l’utente
scaricando il libretto e ovviamente le tracce ad alta definizione da
onclassical.com).
Quanto sopra porta ad una riduzione dei costi e del prezzo finale a tutto vantaggio della qualità e dell’offerta.

Licenziare musica con OnClassical, anziché nel modo tradizionale
(ovvero, ricorrendo ai complicati rapporti con le società d’autore e le
case discografiche), è inoltre molto facile proprio perché:

  • non ci sono complicate pratiche da capire/compilare/inviare: un solo modulo legale e compilabile automaticamente è tutto quello che c’è da fare.
  • non si versano royalty a ogni scadenza (si paga se e quando si decide di voler licenziare la musica di OnClassical).

E inoltre:

  • è economico (almeno il 30% in meno rispetto ai canali tradizionali) e sfrutta musica libera (nessun DRM);
  • si hanno a disposizione contenuti estremamente filtrati nella qualità (nessuno “spam” della musica);
  • si contribuisce all’artista direttamente il 50% dell’acquisto.

 

“È sicuramente una strada nuova mai tentata prima”, dichiara
Alessandro Simonetto, fondatore dell’impresa tutta italiana, “noi siamo
fieri di portare i nostri artisti verso strade nuove e per nulla
rischiose, quando, prima, la maggior parte delle case discografiche non
dava loro alcuna visibilità e introito.” E continua: “Noi non chiediamo
nulla all’artista, nessun euro, nessun contratto esclusivo; lo
incidiamo spesso gratuitamente e gli diamo il master in piena proprietà
senza pretendere null’altro che la sua stessa promozione e di
conseguenza la nostra. Quale musicista io stesso, trovo che questa sia
una forma molto più equa di promozione della musica, che nel nostro
caso è sinonimo di qualità sia artistica che tecnica. Abbiamo poi
grande fiducia nella nostra clientela: diamo loro gli interi album in
libero preascolto (gli MP3 sono gratuiti e distribuibili ovunque senza
ulteriori permessi); come conseguenza il pubblico ci ripaga acquistando
gli stessi album in alta qualità o licenziando musica per scopi diversi
dal normale uso personale”. E conclude: “Internet funziona un po’ così:
prima devi imparare a dare, poi la gente ti potrà apprezzare e ripagare
dei tuoi sforzi. La logica dello stretto e severo copyright in rete non
attecchisce. Noi preferiamo lavorare con Creative Commons per buona
parte del nostro materiale”.

 

“[…] OnClassical decisa a conquistare i più esigenti in fatto di qualità del suono.”

Alice Bertolini, Corriere della Sera, II/2009

“Si tratta [OnClassical] sicuramente di uno dei migliori regali che Internet ha dato agli audiofili!”

Nick Whetstone, TNT-Audio, I/2009

“Eccellente lavoro di Alessandro Simonetto.”

Alfred Zeillinger, Director of Bösendorfer pianos, Vienna III/2007

“OnClassical è un progetto fenomenale!”

Cameron Parkins, Creative Commons, XI/2007




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *